La squadra di Berlusconi: tutti i ministri del nuovo governo

il premier Silvio BerlusconiAppena nato il goveno-lampo di Berlusconi, leggo su LASTAMPA (cartacea perchè quella online ha certe lacune…) un divertente articolo di Massimo Gramellini e Mattia Feltri, sui ministri del nuovo governo.


Non si facciano ingannare dal mero argomento politico coloro che non seguono o non sono interessati al tema: l’articolo che segue offre una descrione in chiave satirica di tutti i componenti della squadra di Silvio Berlusconi; ad ognuno viene dato un soprannome, un nomignolo tipo Sandro “Rapanello” Bondi o Giulio “Genius” Tremonti, e per tutti c’è una curiosità che lo riguarda.

A me ha strappato più di una risata (soprattutto certi soprannomi sono geniali!) e mi ha divertito molto scoprire alcune stranezze su Calderoli piuttosto che di Stefania Prestigiacomo.

 

Facce (quasi) nuove alla corte di Silvio

Le “matricole” battono i “navigati” tredici a otto.

di Massimo Gramellini e Mattia Feltri

Sottosegretario alla Presidenza – Gianni Letta

Gianni LettaGianni “Duracell” Letta, abruzzese di Avezzano, 73 anni portati come un cinquantenne. Non è lombardo, eppure lavora 18 ore al giorno: Calderoli non se ne capacita e forse organizzerà un seminario per venire a capo dell’enigma, trovandogli un trisnonno di Abbiategrasso. E’ il Sottosegretario per antonomasia di tutti i governi Berlusconi. Se l’Italia fosse una monarchia sarebbe il Mazzarino di re Silvio. Mentre se fosse una repubblica presidenziale, il De Gaulle di Arcore ne farebbe subito il suo primo ministro, affidandogli tutte le deleghe tranne quella per il tempo libero, di cui tanto Letta non sa che farsene. Conosce e custodisce molti misteri: il più impenetrabile resta la formula della gelatina con cui ogni mattina si ipnotizza i capelli.

Sviluppo Economico – Claudio Scajola

Claudio ScajolaClaudio “bulldog” Scajola, 60 anni, ligure di Imperia, unico ministro del Nord Ovest (verrà esibito in apposite mostre accanto ai panda). Ex dc non pentito, nella prima parte della sua vita da tecnocrate ha lavorato presso vari uffici dalle sigle elaborate: Inpdap, Usl. Ministro berlusconiano di lungo corso, eredita la poltrona scomoda di Bersani. Liberalizzazioni, problemi energetici: bazzecole rispetto al ministero dell’Interno, che fu indotto a lasciare dopo aver dato del «rompicoglioni» a Marco Biagi (già morto) mentre aspettava con un certo nervosismo la motovedetta cipriota “Odysseus”, in grave e fatale ritardo. Da allora guarda chiunque glieli rompa sul serio mordendosi le labbra.

Funzione Pubblica – Renato Brunetta

Renato BrunettaRenato “La Brunetta” Brunetta venne così soprannominato dai quei burloni di colleghi d’accademia con un poco azzeccato riferimento alla cantante dei Ricchi e Poveri. In realtà, nacque povero 58 anni fa a Venezia, figlio di un venditore ambulante di protesi, ma divenne ricco studiando economia e applicandosi alla politica. Consigliere di Craxi, ha raggiunto il successo con Berlusconi, con il quale scherza amabilmente sulla statura (Brunetta è l’unico del Consiglio dei ministri più basso del Cavaliere). Caparbio e irascibile, è molto orgoglioso dei premi conseguiti e dei libri scritti, compreso uno amatissimo dai patiti del settore sull’“isteresi”. Fiero avversario di Tremonti, si picca di essere grande intenditore di cinema.

Interno – Roberto Maroni

Roberto Maroni Roberto “Sax” Maroni, varesino, 53 anni. A volte ritornano. Nel ’94 approdò al Viminale col vento del Nord: trovò uno studio vasto come la piazza di Legnano e una scrivania come il letto del Barbarossa. Con barbarico furore ne prese possesso, facendosi fotografare i piedi incrociati sul tavolo. Trovò cassetti che supponeva pieni di carte e segreti. E assicurò: niente paura, sono qui per aprirli. Un anno dopo, andandosene, confessò di averli trovati vuoti. Con 7 anni di opposizione, Milan e sassofono, da titolare del Welfare tenne a battesimo la Riforma delle pensioni che va sotto il suo nome. Un successo cancellato da Prodi e lasciato in soffitta da Silvio. I tempi cambiano: decisionismo, ma con juicio.

Difesa – Ignazio La Russa

Ignazio La Russa Ignazio “Full metal jacket” La Russa, 61 anni, siciliano di Milano. Dal Msi al Pdl, senza mai perdere la testa (ma neanche una festa). Simpatico quasi come il padre, un famoso avvocato postfascista e donnaiolo («Che ci faccio io alle donne? L’assegno»). Per via della bellissima voce, ha doppiato una puntata dei Simpson. Recentemente al telefono Fini lo avrebbe scambiato per l’imitazione di Fiorello. Ma forse non l’ha scambiato per niente. Va al ministero della Difesa e non poteva essere altrimenti: con quel pizzetto un po’ così e quello sguardo un po’ cosà, se gli metti un basco in testa e una giacca verde militare sulle spalle, sembra un capitano di corvetta.

Giustizia – Angelino Alfano

Angelino AlfanoAngelino “Gesuita” Alfano, 38 anni, siciliano di Agrigento. E adesso da Santoro qualcuno dirà: «Vergogna, Berlusconi ha affidato la Giustizia al suo segretario personale!». In realtà il neoministro della Giustizia non è il segretario personale di Berlusconi. E’ l’ex segretario personale di Berlusconi. Con il quale, comunque, intrattiene ancora rapporti molto cordiali. Democristiano nel corpo e nell’anima, ma in versione aggiornata: commissionò ai giornali locali un sondaggio da cui si ricavava che il 70% dei siciliani desiderava andare a cena con lui. L’altro 30% probabilmente c’era già andato, anche se resta da capire chi avesse pagato il conto. Quelli che lo stimano assicurano che farà strada. Quelli che lo temono, anche.

Infrastrutture – Altero Matteoli

Altero MatteoliAltero “Altero” Matteoli, l’unico che ha il nomigonolo nel nome, è uno dei politici più collerici della storia repubblicana. Nato a Cecina (Livorno) l’8 settembre del 1940, è costretto a festeggiare il compleanno in una data molto infausta. Nominato ministro dell’Ambiente nel 2001, concesse la prima intervista sulla sua terrazza di Castiglioncello, mentre dietro fumavano inesauribili le ciminiere della Solvay. Il nuovo incarico (Infrastrutture) non gli creerà più alcun imbarazzo. Nelle biografie segnala sempre di essere stato l’autore di una fondamentale legge quadro in materia di cave e torbiere e di aver imposto sui treni a lunga percorrenza l’istituzione di un servizio sanitario, di cui tuttavia nessuno ha mai scorto traccia.

Copyright ©2008 La Stampa

Politiche Agricole – Luca Zaia

Luca ZaiaLuca «Er Pomata» Zaia, 40 anni, di Conegliano come Sacconi (2 ministri su 12, è la Roma del Triveneto). Il volto nuovo della Lega, che i giornali locali chiamano Er Pomata – alla romana – per via del gel spalmato sui capelli, fu multato da vigili antifederalisti mentre andava a 193 all’ora in autostrada. («Stavo correndo a Venezia, mi avevano detto che era stata colpita da una tromba d’aria», si giustificò con creatività). Da presidente della Provincia fece assumere sei asini brucaerba, ritenuti a ragione meno costosi delle falciatrici. Enologo e laureato in scienza della produzione animale, il neoministro dell’Agricoltura capisce di agricoltura (evviva!) e in particolare di barbabietole. Lui ha promesso di ripartire proprio da lì: rialzati, barbabietola!

Ambiente – Stefania Prestigiacomo

Stefania PrestigiacomoStefania “Floriiiis” Prestigiacomo, 41 anni, siracusana. Ha vinto il derby di Forza Italia con l’industriale ittica Michela Brambilla, che nel partito qualcuno chiama simpaticamente la «Pescivendola». Alla fine ha prevalso l’anzianità di servizio e anche la necessità di non avere soltanto ministri che parlassero il brianzolo. In questo la Prestigiacomo è a prova di doppiaggio: il suo intercalare tipico a Ballarò, «Floriiiis, lèèèèi mi dève lasciaaaare parlaaare», ormai viene portato come saggio nelle scuole di teatro dialettale siciliano. Già al ministero per le Pari Opportunità, ora gliene capita uno quanto mai dispari: dovrà occuparsi dell’Ambiente, di cui in Italia non si occupa purtroppo quasi nessuno. Ha la fortuna sfacciata di venire dopo
Pecoraro Scanio.

Federalismo – Umberto Bossi

Umberto BossiUmberto “Senatùr” Bossi, per tutti è il Senatùr nonostante sia stato senatore soltanto nel 1987, e nonostante in Lombardia la parola “senatùr” non esista. Sessantasette anni, nato a Cassano Magnago in provincia di Varese, ieri ha messo in imbarazzo il premier, che elencava in gabinetto “professori”, “dottori” e “avvocati”, e a lui ha riservato il solo titolo di “onorevole”. Infatti gli studi lo hanno condotto a una specializzazione in elettronica. Ex comunista, ex cantautore, ex mercante di prodotti ortofrutticoli, passerà alla storia per aver fondato la Lega Lombarda. Più trascurabile la fondazione di Arnassita Piemonteisa e di una Lista per Trieste che, nell’83, prese 150 voti fra Varese, Como e Sondrio. Poi l’Umberto sfondò.

Attuazione programma – Gianfranco Rotondi

Gianfranco RotondiGianfranco “Spatola” Rotondi è un avellinese purosangue (lo dicono i suoi concittadini) nato quarantasette anni fa. Reputato a lungo lo scapolo d’oro della politica irpina, si guadagnò il terribile soprannome per il furore amatorio consentitogli dal celibato. Guarda il caso, infine si sposò con la signora Maria Teresa Spatola di Salerno, e nella circostanza il testimone Silvio Berlusconi cantò «a gelusia». Democristiano, giornalista, laureato in giurisprudenza, alla scissione del Ppi si schierò con Rocco Buttiglione, suo grande amico ora abbandonato in minoranza. E’ il leader della Democrazia cristiana per le Autonomie. Grandissimo tempista, per settimane ha snobbato il governo e se lo è guadagnato con le cattive all’ultimo istante.

Economia – Giulio Tremonti

Giulio Tremonti Giulio “Genius” Tremonti, 61 anni, di Sondrio. L’Ultimo Miglio, nel senso di successore ideale del professore leghista. E’ l’ideologo di un Nord preoccupato dai cinesi, che si portano via il lavoro, e dai romani, che si portano via i soldi. Il suo libro più recente è stato un successo: «La Paura e la Speranza», dove la Paura è un mondo senza regole e la Speranza è lui, che pure quanto a ottimismo sembra Visco. È stato liberale da adolescente, socialista da militare e sodale di Segni negli anni della maturità. Poi è tornato ragazzo per diventare superministro del centrodestra, con l’incarico di riportare sulla terra le promesse del suo premier. Ieri Tremonti ha sostenuto di credere in Dio. Speriamo sia un amore ricambiato, perché ne avremo bisogno.

Politiche giovanili – Giorgia Meloni

Giorgia Meloni Giorgia “Cerbiatto” Meloni, cosiddetta per le spettacolose iridi pervinca, a trentuno anni e quattro mesi scavalca Enrico Letta e Giulio Andreotti e si aggiudica il titolo di più giovane ministro della Repubblica; a ventuno fu il più giovane consigliere provinciale del paese. Nata e cresciuta alla Garbatella, conosce le borgate e l’arte spiccia della politica. A Fabio Rampelli – che la inventò – si rivolge col tono autoritario di una donna Assunta. Esordì a quindici anni fondando il coordinamento studentesco anti-Jervolino degli «Antenati», per cui qualcuno la chiamava “Ciotolina”, come la figlia di Barney dell’omonimo cartone animato. Raggiunto il potere, le è presa la fissa dell’estetica, e all’alba la si scorge far footing sul Lungotevere.

Beni culturali – Sandro Bondi

Sandro BondiSandro “Rapanello” Bondi, toscano, 49 anni. Quando era giovane e comunista lo chiamavano Rapanello perché rosso fuori ma bianco dentro. Adesso è abbastanza bianco anche fuori. Ama la poesia e Berlusconi, non necessariamente in quest’ordine. I maligni, categoria umana che lui cristianamente perdona, ancora raccontano di quella volta che Silvio entrò in una riunione in cui Bondi stava parlando. Il futuro ministro si interruppe e disse: «Scusa, presidente, se ardisco continuare a parlare in tua presenza». Ma si sa, la gente è maliziosa. E invidiosa della sua penna. L’ultima poesia Bondi l’ha dedicata a Jovanotti: «Concerto – vibrazioni dell’anima – eco del divino – dolore dell’essere – onde dell’amore». Va alla Cultura, che lo aspetta, ondeggiante d’amore.

Welfare – Maurizio Sacconi

Maurizio “Garofano” Sacconi, 58 anni di Conegliano (Treviso). L’ultimo craxiano ad andare al potere. Ma anche l’unico ad aver fatto una gavetta tanto lunga: arriva a sedersi sulla poltrona del Welfare (strappata ad An), quindici anni dopo la caduta del muro di Bettino. Una delle poche facce nuove del governo, ma non per gli addetti ai lavori, che ne hanno sempre apprezzato l’intelligenza. E nemmeno per gli abitanti di Treviso che tutte le settimane vanno a rendergli omaggio nei bar della piazza all’ora dell’aperitivo, il celeberrimo «spritz» (acqua gasata, vino bianco e tutto quanto fa spettacolo), di cui Sacconi è cultore assiduo. Dopo un paio di bicchieri riesce persino a parlare con Gentilini.

Pari opportunità – Mara Carfagna

Mara CarfagnaMara “Matilde” Carfagna interpretò, appunto, e senza difficoltà, il ruolo della cuoca Matilde nella fiction «Boris», dal momento che da ragazza fu impiegata nella cucina di un ristorante di Salerno, dove nacque trentadue anni fa. Bellissima e brava ai fornelli, è un sogno per tutti gli italiani. Sesta a miss Italia (1997), è passata da Davide Mengacci («La domenica del villaggio») e Giancarlo Magalli («Piazza Grande») a Gianfranco Fini e Renato Schifani. Vittima di becere ironie da caserma, si è riscattata studiando parecchio, e ai confronti in tv strapazza i molti che la prendono sotto gamba. Nega di aver posato nuda, e infatti gli hacker fanno più fatica a trovare le sue foto discinte che le dichiarazioni dei redditi. Ma alla fine le trovano.

Istruzione – Maria Stella Gelmini

Maria Stella Gelmini Maria Stella «Secchiona» Gelmini, 35 anni, avvocato di Brescia. Organizzatrice efficiente, obbediente e d’aspetto gradevole. Cattolica col crocefisso sotto il foulard, non crede alle quote rosa ma alle quote grigie, «intese come materia cerebrale». Del nuovo sindaco di Roma Alemanno ebbe a dire che era bravo soprattutto a farsi clientele al Sud. Spiegò anche che Berlusconi era traumatizzato dal politico sciatto della Prima Repubblica. «Lui la pensa alla greca: kalos kai agatòs». Bella e valorosa come da citazione classica, la neoministra dell’Istruzione ha lo sguardo della supplente che ti frega, rivelandosi poi più tosta della prof che era chiamata a sostituire (nella fattispecie Letizia Moratti).

Rapporti Parlamento – Elio Vito

Elio Vito Elio “Magico” Vito quarantotto anni, già detto “mister centomila preferenze” (ma è un errore da sbadati: capace di tanto era suo cugino Alfredo), si è sposato lo scorso anno alla presenza dell’attuale premier, e Sandro Bondi gli vergò l’immortale verso: “Fra le tue braccio magico silenzio…”. Esordì in politica come tecnico del suono di Radio radicale, redazione Napoli, in occasione del processo Tortora. La penuria di personale lo trasformò poi in intervistatore e in seguito in consigliere comunale. Fra pannelliani e Forza Italia, è stato deputato di Bollate (Milano), di Misterbianco (Catania) e dell’Umbria. Laureato in sociologia, secondo Daniele Luttazzi assomiglia “a una di quelle cose che scappano quando alzi un pietra”.

Esteri – Franco Frattini

Franco FrattiniFranco “Gessato” Frattini, 51 anni, romano. Dalla scapigliatura del «manifesto», il giornale rosso antico con cui collaborò da giovane, al capello da bambolotto, con riga laterale perfettamente scolpita, che lo ha fatto conoscere al pubblico televisivo. Nel 1997, in un fuori onda, definì “cialtroni” quelli del ccd di Casini: senza saperlo, aveva dettato la linea con un decennio di anticipo. Ma forse lo sapeva benissimo. Già capo della diplomazia nel Berlusconi II, gode fama di nervi saldi. Gli serviranno per reggere la prova più dura: fare il ministro degli Esteri di un presidente che si sente anzitutto un ministro degli Esteri. Frattini lo sostituirà nelle riunioni con gli eurocrati di Bruxelles e in tutte le altre non riscaldate dalla luce abbronzante delle telecamere.

Semplificazione – Roberto Calderoli

Roberto CalderoliRoberto «Cariöl» Calderoli, bergamasco, cinquantadue anni appena compiuti, è il più celebre esponente della dinastia di dentisti cui appartiene (a Bergamo si dice «se te ghét ol cariöl va del Calderöl», se hai la carie va da Calderoli). Pochi giorni fa, Berlusconi gli ha detto di inventarsi un ministero in dieci minuti, e lui si è inventato il ministero alla Semplificazione che dovrà snellire il legiferare. Non per niente, Calderoli è anche l’architetto del «porcellum». Siccome parla come mangia, sostiene che a Bruxelles sono tutti pedofili, gli extracomunitari dei bingo-bongo e i gay dei culattoni. Sposato con rito celtico a Sabina Negri, ha successivamente divorziato con rito civile. Secondo tutti è un fuoriclasse nella direzione di Palazzo Madama.

Politiche comunitarie – Andrea Ronchi

Andrea RonchiAndrea “Malore” Ronchi, perugino, cinquantatré anni ad agosto, recentissimamente soprannominato “Malore” perché a un lapsus di Bruno Vespa – che aveva attribuito la vittoria elettorale a Romano Prodi – finse un colpo apoplettico e si accasciò morente. Si dice che sia stato presentato a Gianfranco Fini dall’ex presidente della Consulta, Gaetano Rebecchini, come «un giovine dabbene». Secondo la leggenda, a Silvio Berlusconi piacque per pregiudizio: «Ronchi? Come Ronchi dei Legionari? Fantastico, fa per noi». Formidabile portavoce di Alleanza nazionale – a tutti i giornalisti dice «sarai il primo a saperlo, amico mio», e poi non svela nemmeno mezzo segreto – succede ad Emma Bonino e si prende le Politiche comunitarie.

Rapporti Regioni – Raffaele Fitto

Raffaele Fitto Raffaele “Bambolotto” Fitto, detto anche Raffaele “Fitto” Fitto, per come ti guarda trafiggente, ha trentotto anni ed è considerato, anche dal premier, un enfant prodige della politica. Ha seguito le orme del padre Salvatore nella Democrazia cristiana, e nel ‘90, quando il babbo era morto, si trasferì in Forza Italia. Governatore della Puglia a soli 31 anni, si ricandidò e fu sconfitto dall’omosessuale Nichi Vendola, il che lo fece vacillare nella convinzione che il volto da bambolotto seducesse gli elettori. Stravede per la madre, sua prima consigliera, e per Berlusconi, suo primo consigliere. Ha vinto il “premio Dorso”, sebbene nessuno ne dia mai notizia, e quando Antonio Cassano torna a Bari lo accoglie sempre con un caffè al ghiaccio.

Copyright ©2008 La Stampa

Linus

Linus partecipa alla FIUH!League di fantacalcio con la sua squadra Lukomotiv Portiz ed è cofondatore di FIUH.it insieme a Vanz.

Rispondi