Gods Of Metal 2007 part II – Recensione e foto

GODS OF METAL – 30 giugno 2007

locandina_gom_2007.jpgOZZY OSBOURNE


KORN

MEGADETH

BLACK LABEL SOCIETY

TYPE O’ NEGATIVE

SADIST

DEATHSTARS

SLOWMOTION APOCALYPSE

… il caro vecchio Ozzy ce l’ha fatta anche sta volta! Ed è stato un gran bello spettacolo!!!

Ecco la recensione del nostro inviato al concerto del 30 giugno con le sue foto in esclusiva per FIUH!

La seconda parte del Gods 2007 si apre con i friulani  Slowmotion Apocalyspe che  suonano un potente death-doom capace di svegliare, immediatamente dopo l’apertura dei cancelli alle 10.30 circa, anche i morti …e concludono la loro performance con un brano cantato insieme a Gianluca P. degli EXTREMA .

Dopo la mezz’ora concessa a questa band emergente ecco salire sul palco i Deathstars, una band POP(soprattutto) /GOTH/ ROCK (in minima parte), che non convince l’esigua folla già riunitasi; sembrano infatti un incrocio tra gli ultimi Cradle of Filth, Marilyn Manson e gli HIM

Il festival non sembra iniziare al meglio, ma si sa le band che si esibiscono per prime non sono ancora abbastanza “rodate”. Il concerto prende una piega migliore coi Sadist, band Death italiana, ormai ampiamente conosciuta che infuoca la folla, e guidati dalla potente voce di Trevor i nostri portano a casa una buona prestazione.

Il sole batte sempre più forte sull’Idroscalo, dopo “pranzo” intorno alle 14.00 si esibiscono i Type o’ Negative, band di difficile collocazione, proveniente da Brooklyn, di cui sinceramente avevo sentito poco parlare nonostante siano attivi già dagli inizi degli anni ’90…Ed ecco che l’Idroscalo, ormai saturo è pronto ad accogliere i Black Label Society guidati dal grandissimo (in tutti i sensi) Zakk Wylde, che facendo sfoggio delle sue  bellissime “Les Paul” guida il gruppo in una bella e potente performance dopo che i BLS hanno accontentato i loro numerosissimi fan, ecc.

Dopo il sound check ecco salire sul palco i mitici e sempreverdi Megadeth (sempreverdi perchè Dave Mustaine sembra sempre un ragazzino nonostante i 20 e passa anni di carriera); fa sempre piacere sentire Hangar 18, Sleepwalker, Symphony of Destruction, vengono inoltre eseguiti brani dall’ultimo album “United Abominations” !!! La loro esibizione buona anche se la voce di Mustaine viene un po’ sacrificata da un audio, forse troppo alto.

Si avvicina la sera ed ecco salire sul palco i Korn, che ricordo sono accompagnati dai J. Joerdyson degli SPLIPKNOT per il periodo estivo.

Eseguono tra le altre , Coming Undone, Twisted Transistor e Y’all want single; si nota purtroppo che il cantante Jonathan Davis è affetto da tempo da una grave malattia sanguigna e quindi per evitare emorragie ogni 5-6 minuti deve fermarsi per fare inalazioni e dissetarsi; nonostante questo inconveniente la prestazione è grandiosa e ottengono grande successo.

zakk_wyldeEd infine il grande Ozzy, che dire un mito, Idroscalo saturo; un vero Mad-man, appassiona la folla nonostante i suoi 59 anni sà farla ancora divertire (mi riferisco a quando mostra il fondoschiena e bagna con gli idranti la security e le prime file  )…
Insieme a Zakk Wylde canta Bark at the moon, Mr Crowley, I don’t know, Mama i’m comin’ home, Suicide Solution,  Paranoid, No more tears, War Pigs,  Don’t wanna change the world,  Here for you e Crazy train.

Da ricordare inoltre il quasi infinito assolo di Z.Wylde per far riprendere fiato a Ozzy, che è già entrato nella storia!

TRAENDO LE CONCLUSIONI: Un ottimo GODS of METAL! Anche se mi sarebbe piaciuto vedere sul palco MANOWAR e RHAPSODY che non si sono esibiti per diatribe economiche…

Grazie 1000 Edo per il tuo articolo e per il materiale!!! Al prossimo concerto!!!

Linus feat. Edo

Rispondi